I Russi salvano la stagione turistica in Spagna. Perché vanno in Catalogna e perché non hanno scelto l’Italia

Proprio quando sembrava che in Spagna anche il turismo finisse nell’elenco delle industrie in crisi ecco arrivare i Russi a salvare la stagione, a compensare i mancati arrivi spagnoli, e anche ad acquistare case! Mete preferite sono la Costa Brava e Costa Dorada in Catalogna, con Barcellona a fare da attrattore principale.

I numeri:  quest’anno si stima che saranno circa 750.000 i Russi in Catalogna, il 40% in più del 2011. Da notare che non si tratta più degli oligarchi del passato, ma è la nuova classe media che fa il primo viaggio all’estero.

Tra le motivazioni: il mare, la cultura, la gastronomia, lo shopping e l’acquisto di case, che in Spagna non mancano (2 milioni di case invendute, molte in aree costiere). E sono molti anche quelli che decidono di fermarsi a vivere in Catalogna. “Ci sono 2.000 russi (comprese le persone provenienti dalle repubbliche ex sovietiche) registrati come residenti a Barcellona e 4.000 in Costa Brava a Lloret de Mar.

E’ più economico emigrare qui che in Inghilterra, in Francia o in Germania, ed è più facile l’adattamento. Potevano andare in Italia, ma la considerano troppo caotica”. Questo il pensiero di Aksana Niamkovich, del mensile  Tot en Rus.

“Di solito acquistano appartamenti per circa € 220.000 a € 300.000 con vista sul mare,” dice Manuel Gonzálvez, agente immobiliare. “E ‘un mercato nuovo e molto interessante”.

http://www.guardian.co.uk/world/2012/aug/14/russians-middle-class-spain-tourism?CMP=twt_fd

GDA Giancarlo Dall'Ara Consulenze e progetti di marketing
Palazzo Maffei - 47866 Sant'Agata Feltria (RN)
tel. 0541 929777, fax 0541 929744 e-mail: giancarlo.dallara@gmail.com
Cookie Policy